La melagrana appartiene al gruppo degli alimenti più ricchi di vitamina C, acqua, fibre, sali minerali, fruttosio e antiossidanti, facendole vantare la nomea di frutti anti-cancro. L’attività anticancerogena sarebbe attribuibile all’acido ellagico, che si ipotizza essere in grado di favorire il processo di distruzione delle cellule cancerogene; la proteina p53 contenuta nel frutto, infatti, può rallentare o addirittura sopprimere le cellule tumorali nascenti.

Essendo piuttosto complicate da sbucciare, si preferisce estrarne e berne il succo. Il frutto del melograno non apporta colesterolo, lattosio o glutine, ed è fonte di sali minerali tra cui potassio, fosforo, sodio, magnesio e ferro. La presenza di fibre, inoltre, contribuisce a prevenire e curare la stipsi, oltre che a modulare l’assorbimento di grassi, migliorando il senso di pienezza.

PROPRIETÀ DEL MELOGRANO

Proprietà astringenti: i tannini contenuti in elevate quantità nel frutto del melograno sono utili in caso di emorragie.

Proprietà antidiarroiche: il decotto ottenuto dalle scorze essiccate delle melagrane è ottimo per contrastare la diarrea.

Non dimentichiamo poi di menzionare le proprietà vermifughe e antiossidanti dell’olio ricavato dai semi di melagrana, e quelle antitrombotiche e antiallergiche grazie alla presenza di flavonoidi.

 

CURIOSITÀ

Una leggenda narra che il melograno fu un prodigio di Madre Natura: tantissime popolazioni antiche come quelle greca, babilonese ed ebraica lo consideravano un vero e proprio miracolo, una testimonianza terrena di entità superiori. Anche Ippocrate, padre della medicina, valutò la melagrana durante i suoi studi, elogiandone le virtù curative.
(clicca quì per acquistarli)

Il limone Verdello è riconoscibile per il caratteristico colore verde intenso della sua buccia, protagonista della così chiamata “terza fioritura” del femminello siracusano. Andiamo a scoprire alcune delle caratteristiche principali di questo meraviglioso frutto estivo: dalla metà di agosto fino a ottobre, la pianta del limone effettua una seconda fioritura – potremmo proprio dire che rifiorisce –, dando vita ai limoni denominati appunto verdelli.

Questa tipologia di frutto possiede ottime proprietà organolettiche, oltre che un abbondante contenuto in polpa dal gusto poco acidulo, ricco di antiossidanti, vitamine e minerali. Si tratta di una delle varietà più commercializzate grazie ai ben quattro mesi di continua disponibilità!

La ricchezza che questo agrume è in grado di produrre per il nostro territorio ha fatto sì che prendesse il nome di oro verde: le coltivazioni di Sicilia Agrumi sono protagoniste di questa produzione, rendendoci felici di proporvi Verdello di ottima qualità, orgogliosamente coltivato senza l’utilizzo di alcuna sostanza chimica!

CURIOSITÀ

Nel passato, le piante del limone non godevano di varietà naturalmente “rifiorenti” e venivano quindi utilizzate delle tecniche specifiche per ovviare a questa mancanza.

La tecnica praticata era detta forzatura: le piante non venivano irrigate per tutto il mese di luglio per indurre uno stato di stress idrico, raggiunto il quale venivano poi effettuate abbondanti irrigazioni. Questo procedimento induceva la pianta del limone letteralmente a rifiorire in estate.

Importante: il Verdello è l’unica tipologia di limone estivo siciliano! Ne consegue che le altre tipologie siano necessariamente di importazione.

 

RICETTA FLASH: SORBETTO DI LIMONE VERDELLO

Ingredienti per 4 persone:

– 6 limoni verdelli Siciliani;
– La buccia di mezzo limone (solo la parte verde);
– 100 g di zucchero;
–  Mezzo albume.

Tagliate la parte esterna di 4 limoni e mettetela nel congelatore. Passate invece la polpa dei limoni fino a ottenere un composto denso, e aggiungete il succo dei 2 limoni rimasti.
 Portate a ebollizione 1,5 l di acqua con lo zucchero e la buccia di mezzo limone, e lasciate bollire per 2 o 3 minuti; filtrate quindi il composto e lasciatelo raffreddare.
 Distribuite il sorbetto nei limoni svuotati e precedentemente congelati, e riponeteli nuovamente nel congelatore. Il vostro sorbetto di limone Verdello è pronto per essere servito dopo i pasti, per rendere uniche le calde giornate estive!
(clicca quì per acquistarli)

Chi non conosce il rinfrescante gusto della granita? Un must della cultura siciliana di cui non si può fare proprio a meno!
Prima di condividere una veloce e semplice ricetta per creare la granita a casa vostra e in modo completamente artigianale, volevo raccontarvi qualcosa sulla genesi di questo meraviglioso dolce freddo: le origini, molto probabilmente, risalgono alla dominazione araba in Sicilia, con l’antesignano della granita chiamato sherbet, una bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta.

Si lavorava partendo dalla neve che, durante l’inverno, veniva raccolta sui monti Iblei, sui Nebrodi e sull’Etna, per poi essere conservata nelle nivieri, costruzioni in pietra disposte sopra delle grotte. In estate, dalle nivieri veniva prelevato il ghiaccio per essere grattato e ricoperto di sciroppi di frutta e fiori (questa preparazione prende appunto il nome di rattata).

Successivamente, la ricetta dello sherbet venne modificata e migliorata usando sale marino e neve, utilizzando quest’ultima come refrigerante e non più come ingrediente. Nacque così il pozzetto, una sorta di intercapedine di zinco, riempito con la miscela e posto su un letto isolante di paglia.

La “miscela eutettica” – composta da due o più sostanze e avente punto di fusione (temperatura) inferiore a quello dei suoi componenti –, congelava il contenuto del pozzetto, mentre il movimento rotatorio azionato da una manovella impediva la formazione di cristalli di ghiaccio. È nata così la granita, una vera e propria istituzione, consumata abitualmente tutti i mesi dell’anno!

 

RICETTA GRANITA DI LIMONI NON TRATTATI

Ingredienti per 4 persone:

– 120 ml di succo di limoni non trattati (circa 2 limoni);
– 120 gr di zucchero;
– 500 ml di acqua;
– Buccia grattugiata di 1 di limone non trattato.

Lavate i limoni e ricavatene il succo, che andrete a filtrare e mettere in un recipiente. Aggiungete lo zucchero, l’acqua, la buccia grattugiata, e mescolate bene il composto fino a far sciogliere lo zucchero. Versate la miscela in una vaschetta da gelato e riponetela nel congelatore, ricordandovi di rompere i cristalli di ghiaccio ogni 30 minuti circa.

La vostra granita è quindi pronta per essere servita in ogni momento della giornata, ma attenzione: scegliete sempre di utilizzare limoni non trattati!

(clicca quì per acquistarli)

Quando pensiamo agli agrumi, ci limitiamo a immaginare il loro succosissimo contenuto: che li mangiamo a spicchi, o che creiamo deliziose spremute, beneficiamo volentieri delle loro tante vitamine, utili al buon funzionamento del nostro organismo. Ma cosa ne facciamo della parte bianca, scarsamente utilizzata e, a causa della poca informazione, relegata a materia di scarto?

In questo articolo faremo chiarezza sulle caratteristiche dell’albedo, lo strato bianco tra buccia e polpa. Quello che risulta strabiliante secondo recenti studi è che la maggior parte delle vitamine e proprietà benefiche sono contenute proprio nella parte bianca del frutto, ricca di flavonoidi e pectine.

Queste ultime svolgono un’azione preventiva contro i tumori, sono utili contro l’insorgere di varici e di trombosi, e migliorano la glicemia.  Le principali pectine sono tre:

la Naringina, utile a contrastare il colesterolo cattivo; la Nobiletina, che interferisce contro la proliferazione di cellule maligne e rallenta il degrado cellulare; e la Tangerina, in grado di sopprimere alcuni tumori maligni bloccando lo sviluppo di metastasi.

Alla luce di queste informazioni, quando mangeremo un agrume, dovremo ricordarci di tagliare e conservare anche questa parte, per poterci creare qualcosa di nutriente e sfizioso!

Vediamo insieme la ricetta dell’albedo candito:


Ecco qui la ricetta:

Ingredienti
600 gr albedo
600 gr di zucchero+ 600gr
300 gr di acqua + 300 gr
600 gr di sale grosso

Procedimento
Tagliate l’albedo a listarelle e ricopritelo con del sale grosso, lasciando poi essiccare per 48 ore; lavate poi per bene le scorze eliminando ogni residuo di sale e immergertele in un tegame con acqua calda facendola bollire per 20 minuti.

Per lo sciroppo, mettete l’equivalente in zucchero delle listarelle (600 g in questo caso), e metà peso di acqua (in questo caso, 300 g) e portate a ebollizione. La temperatura dello sciroppo dovrà arrivare a 110°: se non avete un termometro, dovrete accertarvi che faccia il “filo” immergendone un po’ in acqua fredda, e verificando che il composto si solidifichi.

Immergete le scorzette nello sciroppo e lasciatele macerare per 24 ore. Scolate quindi il tutto, riportate lo sciroppo a 110° e reimmergetele di nuovo: dovranno rimanere a bagno ancora per altre 24 ore.
A questo punto non vi resta che conservarle in un barattolo ben pulito, così da gustarle a vostro piacere!
(clicca quì per acquistarli)

In questo articolo parleremo di un piatto molto semplice ma al contempo ricco di proprietà nutritive utilissime per affrontare le nostre calde giornate estive: l’insalata di arance e capperi.

Per comporre questa insalata basterà sbucciare delle succosissime Arance Valencia privandole della parte bianca chiamata albedo; tagliatele quindi a fettine sottili, dividendo poi ogni fettina in due mezzelune. Aggiungete i capperi dissalati (clicca qui per scoprire come dissalarli) e condite il tutto con olio extravergine d’oliva, sale e qualche fogliolina di menta fresca.

Questa insalata è il perfetto connubio tra due prodotti siciliani, l’arancia e il cappero, e già dal primo assaggio noterete il forte contrasto di sapori dato dalla sapidità del cappero e dal gusto agro dell’arancia.

Caratteristiche e Benefici dell’Arancia Valencia

Le Arance Valencia sono caratterizzate dalla maturazione tardiva, che va dal mese di marzo a quello di giugno. La loro polpa è bionda e ha un elevato contenuto di succo, con un gusto tra il dolce e l’acidulo. Tra le arance della loro varietà sono le più coltivate al mondo per via della loro facilità di adattamento alle diverse condizioni ambientali.

Ricchissime di vitamina C, le arance fortificano il nostro sistema immunitario e, inoltre, in vista della stagione calda, svolgono un ruolo importante nella protezione della pelle dai danni creati dall’esposizione al sole, stimolando la produzione di collagene, fondamentale proteina del tessuto connettivo. (clicca quì per acquistarle)

Caratteristiche e Benefici dei Capperi

Anche i capperi sono dei frutti dalle meravigliose proprietà benefiche. Nonostante le loro calorie siano davvero poche – in 100 g di prodotto ve ne sono appena 23 –, sono ricchi di proteine e di minerali fondamentali per il nostro organismo, come sodio, potassio, calcio, magnesio e fosforo.

Le varietà di Capperi più diffuse in Sicilia sono quelle di Pantelleria e di Salina.

Altra proprietà importante del cappero è quella di contenere molti antiossidanti come la Rutina che agisce a favore dell’ apparato cardiocircolatorio, regolando i livelli di colesterolo nel sangue.

I capperi posseggono proprietà anti allergiche, ossia mitigano l effetto di allergeni come quelli della polvere o del polline e sono ottimi per chi soffre di diabete che uniti alle fantastiche proprietà delle arance ci daranno la carica necessaria per affrontare qualsiasi giornata!

Acquista Online Arance Valencia 100% Siciliane
Acquista Online i Capperi di Salina

In un’epoca come la nostra, che cerca di sensibilizzarsi al problema dell’inquinamento e all’eccesso di sprechi, è importante metterci in moto per cercare di minimizzare lo sperpero di risorse, e convertirle in qualcosa di utile al miglioramento della nostra salute e a quello dell’ambiente.

In questo caso, visto che ci troviamo in uno spazio dedicato ai nostri amatissimi agrumi, parleremo di come utilizzarli fuori dall’ambito gastronomico e adoperarli per la pulizia della casa, scoprendo che esistono numerosi rimedi casalinghi che ci permettono di evitare non solo gli sprechi, ma anche di eliminare i prodotti chimici.

BUCCE DEGLI AGRUMI PER RIMEDI CASALINGHI

Una volta sbucciati limoni, arance e mandarini, le loro bucce risulteranno utilissime per lucidare fornelli, posate e stoviglie, che al passaggio delle profumate scorze diventeranno lucide, profumate e persino disinfettate.

Se invece volete rimettere a nuovo il fondo della vostra caffettiera, basterà versarci dentro dell’acqua, del sale grosso e aggiungere scorze di limone tritate, lasciando riposare per alcune.

Stessa cosa per rimuovere il fastidioso calcare che rovina i nostri elettrodomestici: portate a ebollizione dell’acqua calda in cui avrete precedentemente immerso delle scorze di limone, aggiungete mezzo bicchiere di aceto e lasciate agire per qualche ora… Vi accorgerete di come il calcare si dissolva, quasi come per magia!

DETERGENTE FAI DA TE CON GLI AGRUMI

Se siete amanti dei detersivi biologici, ecco spiegato come crearne uno del quale non potrete più fare a meno!
Per preparare un ottimo detergente agli agrumi, basterà prelevare la buccia da quattro o cinque tra arance, limoni o mandarini, a cui andranno aggiunti 300ml di acqua calda, 300ml di aceto bianco e 300ml di alcol.

Lasciate riposare il composto per una settimana e, trascorso questo tempo, potrete trasferirlo in un contenitore con spruzzino e utilizzarlo come un comune sgrassatore, per lavare i vetri o le piastrelle della cucina. Per un’azione ancora più profonda potete aggiungere del bicarbonato: il profumo che si sprigionerà sarà ottimo e sicuramente non inquinante.

DECORAZIONI FAI DA TE CON BUCCE DI AGRUMI

Avete mai pensato di utilizzare le profumatissime bucce delle arance e dei mandarini per creare deliziose decorazioni?  Vi basterà far essiccare le bucce su un termosifone o vicino a una stufa per sentire come il loro ottimo profumo si propaghi per la vostra casa! In seguito, potrete riporle in un barattolo di vetro o in un sacchetto traforato e adagiarle poi all’interno di armadi e cassetti per profumare i vostri indumenti.

Un’altra idea fantastica e di semplice realizzazione è quella di utilizzare le bucce delle arance per creare candele profumate: dopo aver mangiato la polpa, tagliate la porzione inferiore dell’arancia facendo attenzione a non rimuovere lo stelo centrale. Dopo aver riempito la cavità con dell’olio vegetale, lo stelo fungerà da stoppino, e la candela sarà pronta a illuminare le vostre stanze e a riempirle di deliziose note agrumate!

%%title%% %%page%%

MARMELLATA ARANCE ROSSE OMAGGIO

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sul tuo primo acquisto un vasetto di marmellata di arance rosse extra monodose omaggio.

 
Holler Box
0
Carrello
Wishlist 0
Continue Shopping
WhatsApp chat