Con l’espandersi delle reti internet e con la messa a disposizione sul mercato di dispositivi elettronici smart è andato creandosi un vero e proprio mondo di compravendita online, un mondo che rende facile e veloce il reperimento di prodotti di ogni genere, prodotti che spaziano dall’elettronica all’abbigliamento fino a quelli alimentari, reperibili per l’appunto da ogni angolo del mondo.

Quando si parla di prodotti alimentari è però cosa fondamentale quella di accettarsi sull’affidabilità del sito che si sta visitando ed essere certi della provenienza dei prodotti che andremo ad acquistare:

Di fondamentale importanza è la trasparenza, che deve essere chiara all’interno di un sito e-commerce, creata dalla presenza di descrizioni dettagliate dei prodotti e la possibilità di visualizzare le recensioni di altri utenti.

Altrettanto importante è la tracciabilità di tutti i prodotti messi a disposizione all’interno di un sito e-commerce, lavoro che noi di Sicilia Agrumi ci impegniamo a svolgere nei migliori dei modi per rendere sicuri e fruibili gli acquisti dei nostri clienti!

PERCHÈ ACQUISTARE SU INTERNET?

Autenticità del prodotto: noi di Sicilia Agrumi ci impegnamo a rendere chiara la provenienza dei nostri prodotti, 100% Siciliani!
È comodo: puoi acquistare in qualsiasi momento della giornata nella comodità di casa tua;
Hai una scelta più ampia: quella di trovare prodotti di ogni tipo senza rinunciare alla qualità!

CHI NON COMPRA PRODOTTI ONLINE?

Esiste poi una fascia di utenti che preferisce toccare con mano ciò che andrà ad acquistare, o che è restia a trasmettere i dati della propria carta di credito: questo atteggiamento può essere più che lecito per chi non sa ancora muoversi all’interno di questo vasto universo 2.0, ma ciò sarebbe limitativo poichè renderebbe impossibile fruire di quei prodotti lontani dal proprio territorio.

Basta quindi seguire le semplici regole di cui abbiamo parlato poc’anzi per potersi affidare ad un sito e-commerce, ossia la trasparenza e la tracciabilità dei prodotti che andrai ad acquistare!

Per creare una deliziosa marmellata di arance Navel da gustare in qualsiasi momento della giornata, bastano davvero pochi semplici passaggi e ingredienti semplici. Mi raccomando, utilizzate sempre arance fresche e non trattate, in modo da ottenere delle conserve sane e genuine!

INGREDIENTI

2kg di Arance Navel;
400g di zucchero.

PREPARAZIONE

Per prima cosa bisogna tagliare la buccia dell’arancia, avendo cura di eliminare anche la parte bianca, che altrimenti conferirebbe un sapore amarognolo alla marmellata.

In seguito, dovete procedere a dividere la polpa delle arance in piccoli cubetti fino a ottenere la quantità di 1 kg, a cui andrà aggiunto lo zucchero. Spostate i cubetti di arancia e zucchero sul fuoco acceso a fiamma media e mescolate di tanto in tanto fino a che vedrete lo zucchero sciogliersi e la polpa disfarsi.

Dopo circa 45 minuti, la marmellata di arance avrà raggiunto la temperatura di 108° e potrete quindi spegnere la fiamma. Usate un termometro da cucina se lo avete, oppure procedete con la cosiddetta “prova del piattino”.

Mettete un pochino di marmellata ancora calda su un piattino e attendete un paio di minuti: se capovolgendolo la marmellata non scivolerà via, potrete cominciare a trasferirla nei barattoli (precedentemente sterilizzati assieme ai tappi)!

Per creare il sottovuoto, capovolgete i barattoli quando la marmellata all’interno è ancora calda e lasciateli raffreddare, verificando successivamente la riuscita dell’operazione pigiando al centro del tappo.

CONSERVAZIONE

Conservate la vostra marmellata di arance Navel in un luogo fresco e asciutto e, prima di consumarla, accertatevi sempre che il sottovuoto sia avvenuto correttamente. Dopo l’apertura del barattolo, conservatelo in frigorifero e consumate la marmellata entro tre settimane.

UTILIZZO

Assaporate la marmellata di arance Navel fatta in casa con il pane o con le fette biscottate, ma provatela anche come accompagnamento al formaggio, o per farcire i vostri dolci!
(clicca quì per acquistarle)

Chi non conosce il rinfrescante gusto della granita? Un must della cultura siciliana di cui non si può fare proprio a meno!
Prima di condividere una veloce e semplice ricetta per creare la granita a casa vostra e in modo completamente artigianale, volevo raccontarvi qualcosa sulla genesi di questo meraviglioso dolce freddo: le origini, molto probabilmente, risalgono alla dominazione araba in Sicilia, con l’antesignano della granita chiamato sherbet, una bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta.

Si lavorava partendo dalla neve che, durante l’inverno, veniva raccolta sui monti Iblei, sui Nebrodi e sull’Etna, per poi essere conservata nelle nivieri, costruzioni in pietra disposte sopra delle grotte. In estate, dalle nivieri veniva prelevato il ghiaccio per essere grattato e ricoperto di sciroppi di frutta e fiori (questa preparazione prende appunto il nome di rattata).

Successivamente, la ricetta dello sherbet venne modificata e migliorata usando sale marino e neve, utilizzando quest’ultima come refrigerante e non più come ingrediente. Nacque così il pozzetto, una sorta di intercapedine di zinco, riempito con la miscela e posto su un letto isolante di paglia.

La “miscela eutettica” – composta da due o più sostanze e avente punto di fusione (temperatura) inferiore a quello dei suoi componenti –, congelava il contenuto del pozzetto, mentre il movimento rotatorio azionato da una manovella impediva la formazione di cristalli di ghiaccio. È nata così la granita, una vera e propria istituzione, consumata abitualmente tutti i mesi dell’anno!

 

RICETTA GRANITA DI LIMONI NON TRATTATI

Ingredienti per 4 persone:

– 120 ml di succo di limoni non trattati (circa 2 limoni);
– 120 gr di zucchero;
– 500 ml di acqua;
– Buccia grattugiata di 1 di limone non trattato.

Lavate i limoni e ricavatene il succo, che andrete a filtrare e mettere in un recipiente. Aggiungete lo zucchero, l’acqua, la buccia grattugiata, e mescolate bene il composto fino a far sciogliere lo zucchero. Versate la miscela in una vaschetta da gelato e riponetela nel congelatore, ricordandovi di rompere i cristalli di ghiaccio ogni 30 minuti circa.

La vostra granita è quindi pronta per essere servita in ogni momento della giornata, ma attenzione: scegliete sempre di utilizzare limoni non trattati!

(clicca quì per acquistarli)

Quando pensiamo agli agrumi, ci limitiamo a immaginare il loro succosissimo contenuto: che li mangiamo a spicchi, o che creiamo deliziose spremute, beneficiamo volentieri delle loro tante vitamine, utili al buon funzionamento del nostro organismo. Ma cosa ne facciamo della parte bianca, scarsamente utilizzata e, a causa della poca informazione, relegata a materia di scarto?

In questo articolo faremo chiarezza sulle caratteristiche dell’albedo, lo strato bianco tra buccia e polpa. Quello che risulta strabiliante secondo recenti studi è che la maggior parte delle vitamine e proprietà benefiche sono contenute proprio nella parte bianca del frutto, ricca di flavonoidi e pectine.

Queste ultime svolgono un’azione preventiva contro i tumori, sono utili contro l’insorgere di varici e di trombosi, e migliorano la glicemia.  Le principali pectine sono tre:

la Naringina, utile a contrastare il colesterolo cattivo; la Nobiletina, che interferisce contro la proliferazione di cellule maligne e rallenta il degrado cellulare; e la Tangerina, in grado di sopprimere alcuni tumori maligni bloccando lo sviluppo di metastasi.

Alla luce di queste informazioni, quando mangeremo un agrume, dovremo ricordarci di tagliare e conservare anche questa parte, per poterci creare qualcosa di nutriente e sfizioso!

Vediamo insieme la ricetta dell’albedo candito:


Ecco qui la ricetta:

Ingredienti
600 gr albedo
600 gr di zucchero+ 600gr
300 gr di acqua + 300 gr
600 gr di sale grosso

Procedimento
Tagliate l’albedo a listarelle e ricopritelo con del sale grosso, lasciando poi essiccare per 48 ore; lavate poi per bene le scorze eliminando ogni residuo di sale e immergertele in un tegame con acqua calda facendola bollire per 20 minuti.

Per lo sciroppo, mettete l’equivalente in zucchero delle listarelle (600 g in questo caso), e metà peso di acqua (in questo caso, 300 g) e portate a ebollizione. La temperatura dello sciroppo dovrà arrivare a 110°: se non avete un termometro, dovrete accertarvi che faccia il “filo” immergendone un po’ in acqua fredda, e verificando che il composto si solidifichi.

Immergete le scorzette nello sciroppo e lasciatele macerare per 24 ore. Scolate quindi il tutto, riportate lo sciroppo a 110° e reimmergetele di nuovo: dovranno rimanere a bagno ancora per altre 24 ore.
A questo punto non vi resta che conservarle in un barattolo ben pulito, così da gustarle a vostro piacere!
(clicca quì per acquistarli)

In questo articolo parleremo di un piatto molto semplice ma al contempo ricco di proprietà nutritive utilissime per affrontare le nostre calde giornate estive: l’insalata di arance e capperi.

Per comporre questa insalata basterà sbucciare delle succosissime Arance Valencia privandole della parte bianca chiamata albedo; tagliatele quindi a fettine sottili, dividendo poi ogni fettina in due mezzelune. Aggiungete i capperi dissalati (clicca qui per scoprire come dissalarli) e condite il tutto con olio extravergine d’oliva, sale e qualche fogliolina di menta fresca.

Questa insalata è il perfetto connubio tra due prodotti siciliani, l’arancia e il cappero, e già dal primo assaggio noterete il forte contrasto di sapori dato dalla sapidità del cappero e dal gusto agro dell’arancia.

Caratteristiche e Benefici dell’Arancia Valencia

Le Arance Valencia sono caratterizzate dalla maturazione tardiva, che va dal mese di marzo a quello di giugno. La loro polpa è bionda e ha un elevato contenuto di succo, con un gusto tra il dolce e l’acidulo. Tra le arance della loro varietà sono le più coltivate al mondo per via della loro facilità di adattamento alle diverse condizioni ambientali.

Ricchissime di vitamina C, le arance fortificano il nostro sistema immunitario e, inoltre, in vista della stagione calda, svolgono un ruolo importante nella protezione della pelle dai danni creati dall’esposizione al sole, stimolando la produzione di collagene, fondamentale proteina del tessuto connettivo. (clicca quì per acquistarle)

Caratteristiche e Benefici dei Capperi

Anche i capperi sono dei frutti dalle meravigliose proprietà benefiche. Nonostante le loro calorie siano davvero poche – in 100 g di prodotto ve ne sono appena 23 –, sono ricchi di proteine e di minerali fondamentali per il nostro organismo, come sodio, potassio, calcio, magnesio e fosforo.

Le varietà di Capperi più diffuse in Sicilia sono quelle di Pantelleria e di Salina.

Altra proprietà importante del cappero è quella di contenere molti antiossidanti come la Rutina che agisce a favore dell’ apparato cardiocircolatorio, regolando i livelli di colesterolo nel sangue.

I capperi posseggono proprietà anti allergiche, ossia mitigano l effetto di allergeni come quelli della polvere o del polline e sono ottimi per chi soffre di diabete che uniti alle fantastiche proprietà delle arance ci daranno la carica necessaria per affrontare qualsiasi giornata!

Acquista Online Arance Valencia 100% Siciliane
Acquista Online i Capperi di Salina

In un’epoca come la nostra, che cerca di sensibilizzarsi al problema dell’inquinamento e all’eccesso di sprechi, è importante metterci in moto per cercare di minimizzare lo sperpero di risorse, e convertirle in qualcosa di utile al miglioramento della nostra salute e a quello dell’ambiente.

In questo caso, visto che ci troviamo in uno spazio dedicato ai nostri amatissimi agrumi, parleremo di come utilizzarli fuori dall’ambito gastronomico e adoperarli per la pulizia della casa, scoprendo che esistono numerosi rimedi casalinghi che ci permettono di evitare non solo gli sprechi, ma anche di eliminare i prodotti chimici.

BUCCE DEGLI AGRUMI PER RIMEDI CASALINGHI

Una volta sbucciati limoni, arance e mandarini, le loro bucce risulteranno utilissime per lucidare fornelli, posate e stoviglie, che al passaggio delle profumate scorze diventeranno lucide, profumate e persino disinfettate.

Se invece volete rimettere a nuovo il fondo della vostra caffettiera, basterà versarci dentro dell’acqua, del sale grosso e aggiungere scorze di limone tritate, lasciando riposare per alcune.

Stessa cosa per rimuovere il fastidioso calcare che rovina i nostri elettrodomestici: portate a ebollizione dell’acqua calda in cui avrete precedentemente immerso delle scorze di limone, aggiungete mezzo bicchiere di aceto e lasciate agire per qualche ora… Vi accorgerete di come il calcare si dissolva, quasi come per magia!

DETERGENTE FAI DA TE CON GLI AGRUMI

Se siete amanti dei detersivi biologici, ecco spiegato come crearne uno del quale non potrete più fare a meno!
Per preparare un ottimo detergente agli agrumi, basterà prelevare la buccia da quattro o cinque tra arance, limoni o mandarini, a cui andranno aggiunti 300ml di acqua calda, 300ml di aceto bianco e 300ml di alcol.

Lasciate riposare il composto per una settimana e, trascorso questo tempo, potrete trasferirlo in un contenitore con spruzzino e utilizzarlo come un comune sgrassatore, per lavare i vetri o le piastrelle della cucina. Per un’azione ancora più profonda potete aggiungere del bicarbonato: il profumo che si sprigionerà sarà ottimo e sicuramente non inquinante.

DECORAZIONI FAI DA TE CON BUCCE DI AGRUMI

Avete mai pensato di utilizzare le profumatissime bucce delle arance e dei mandarini per creare deliziose decorazioni?  Vi basterà far essiccare le bucce su un termosifone o vicino a una stufa per sentire come il loro ottimo profumo si propaghi per la vostra casa! In seguito, potrete riporle in un barattolo di vetro o in un sacchetto traforato e adagiarle poi all’interno di armadi e cassetti per profumare i vostri indumenti.

Un’altra idea fantastica e di semplice realizzazione è quella di utilizzare le bucce delle arance per creare candele profumate: dopo aver mangiato la polpa, tagliate la porzione inferiore dell’arancia facendo attenzione a non rimuovere lo stelo centrale. Dopo aver riempito la cavità con dell’olio vegetale, lo stelo fungerà da stoppino, e la candela sarà pronta a illuminare le vostre stanze e a riempirle di deliziose note agrumate!

Le arance sono gli agrumi più coltivati al mondo e, anche se il loro principale utilizzo è il consumo fresco, una parte importante viene destinata alla trasformazione industriale. Questo frutto presenta una miriade di varietà, di cui oggi scopriremo le fondamentali, classificandole in base a determinate caratteristiche, come i periodi di maturazione, il tipo di colorazione (interna ed esterna), e il contenuto di acidi.

Occorre fare inoltre una distinzione primaria tra le arance dolci e quelle amare: le prime appartengono alla varietà che comunemente troviamo sulle nostre tavole, mentre le arance amare vengono solitamente destinate all’impiego industriale.

LE ARANCE BIONDE

Sono quelle più usate dall’industria di trasformazione poiché presentano un’elevata resa in succo e risultano poco amare al palato.

Composte da succosi spicchi ricchi di vitamine, con colorazioni che vanno dal giallo all’arancio intenso, le arance a polpa bionda sono l’agrume che più si è diffuso nel mondo.  Le proprietà benefiche delle arance bionde di Sicilia sono dovute alla presenza di vitamine e minerali fondamentali per il nostro organismo, con effetti tangibili sul mantenimento della salute: prevengono infatti le malattie stagionali, difendono il nostro organismo da disturbi cardiovascolari, contribuiscono alla riduzione del colesterolo e si sono dimostrate efficaci nella protezione della vista.

ARANCIA VALENCIA

Tra le arance a polpa bionda, le Valencia costituiscono una delle varietà più apprezzate sia dai consumatori che dai produttori grazie al fatto di essere molto versatili, adattandosi bene a svariate condizioni climatiche.

Le caratteristiche di questa cultivar non si fermano qui: anche se in Sicilia la raccolta si svolge in prevalenza verso i mesi di marzo o aprile, si tratta di un’arancia dalla maturazione molto tardiva e, in altre regioni con climi diversi, è frequente che la raccolta avvenga anche più tardi, consentendo così ai produttori di prolungare l’annata ben oltre la sua normale scadenza.

ARANCIA BELLADONNA

A causa della sua alternanza produttiva è una varietà poco diffusa: la buccia molto spessa presenta eccellenti proprietà organolettiche e viene utilizzata sia per il consumo fresco che per la trasformazione industriale. Molta della fama che circonda le arance Belladonna è determinata dal loro sapore molto dolce dato da un elevata percentuale di zuccheri, che tende a crescere negli stadi finali di maturazione.

Un’altra importante caratteristica da non sottovalutare è il livello di vitamina C che risulta molto abbondante, oltre a buone dosi di sali minerali e acido citrico, e vitamine dei gruppi A, B1, B2 e PP, antiossidanti, flavonoidi e polifenoli.

ARANCIA OVALE

Le arance di Sicilia Ovale sono delle arance a polpa bionda, caratterizzate anch’esse da una fase di maturazione molto tardiva, che si verifica in primavera tra i mesi di marzo e aprile, con i frutti che possono resistere sui rami anche fino al mese di maggio.

La forma tipica di questa arancia rispecchia il nome della cultivar, in quanto i frutti sono generalmente di forma ovale, provvisti di una sottile solcatura nella parte inferiore. La buccia si presenta sottile ma al tempo stesso piuttosto resistente, di un colore intermedio tra il giallo e l’arancio, a grana fine o media.

Il sapore dolce e piacevole è dato dall’alto contenuto di zuccheri e da una pungente acidità, mentre abbastanza ridotta è la presenza di semi. L’arancia Ovale può essere indifferentemente consumata a tavola o sotto forma di spremuta.

VARIETA’ OMBELICATE O NAVEL

Sembra un difetto, una malformazione, invece la varietà del Citrus Sinensis o arancia Navelina nasconde al suo interno un’altra piccola arancia, quasi fosse una gemella situata al polo opposto rispetto al picciolo. Altra interessante caratteristica è che non presenta semi al suo interno e nasce addirittura da fiori sterili.

Diverse sono le sue proprietà benefiche, come quella di abbondare nel contenuto di vitamina A, C, B1, B2, sali minerali e zuccheri, conferendole alte qualità antiossidanti, disintossicanti, diuretiche e digestive, antiemorragiche e di protezione dei vasi sanguigni.

L’arancia Navel è dunque ottima non solo contro malanni, influenze e bronchiti di stagione, ma si dimostra efficace anche nella prevenzione di patologie e dolori reumatici. Ottima per una spremuta super energetica, o per una salutare insalata di agrumi, grazie alle sue particolari qualità organolettiche questa varietà è un ricercato ingrediente per aperitivi e antipasti, primi e secondi piatti, ma anche dolci e dessert.

ARANCIA WASHINGTON NAVEL

Le arance Washington Navel presentano una pezzatura molto elevata e derivano dalla mutazione spontanea dell’arancio Selecta, hanno una forma sferica allungata e l’epoca di maturazione va da fine dicembre a marzo. Questo frutto ha un gusto gradevolissimo, è a polpa bionda e senza semi, ma la caratteristica principale è il sapore gradevole e mai acido, che lo rende davvero delizioso.

A differenza delle altre varietà siciliane, caratterizzate da un sapore più o meno acido, le Washington Navel hanno una polpa più zuccherina e un perfetto equilibrio tra gusto e profumo.

Le caratteristiche principali interessano soprattutto la polpa: le vescicole di succo si dissolvono in bocca lasciando pochissimi residui. Si può affermare che la Washington Navel è dotata di un’eccezionale qualità legata a fattori ambientali come il clima, il terreno in cui cresce, e l’acqua, che conferiscono a questo agrume non soltanto un sapore autentico, ma anche proprietà organolettiche particolarmente apprezzate:

ARANCIA NEWHALL

L’arancia Newhall è una varietà di arancia Navel che è caratterizzata dalla presenza della stessa depressione a forma di ombelico, già introdotta con le cultivar precedenti. La pianta si presenta vigorosa, con tendenza a ramificarsi verso il basso, conferendole un portamento raccolto.

Il frutto si presenta ovoide, di pezzatura medio-grossa, e la buccia è di medio spessore e di colore arancio scuro, con tendenza al rossastro verso fine maturazione. Un’altra caratteristica fondamentale è quella di avere un ottimo sapore e di essere di altissima qualità.

La Newhall è un’arancia che può essere consumata allo stato fresco, trasformata in succhi o utilizzata per la preparazione di marmellate e liquori, mentre le bucce sono idonee per la preparazione di canditi. La maturazione di questo agrume avviene da novembre a marzo.

ARANCIA NAVELATE

Questo frutto deriva dalla mutazione della Washington Navel e presenta un ottimo sapore, l’epoca di maturazione è tardiva e la raccolta, infatti, può prolungarsi fino a giugno. A causa della bassa produttività, la sua diffusione è più limitata rispetto alle altre varietà.

VARIETA’ DI ARANCE PIGMENTATE O ROSSE

La loro denominazione deriva dalla presenza di “antociani” che conferiscono al frutto questi pigmenti di colorazione rossa, presentano un alto tenore zuccherino e di acidità per questo le arance rosse presentano il loro caratteristico sapore. La pigmentazione deriva dalle escursioni termiche e possono presentare un livello di pigmentazione differente in base ai luoghi di coltivazione. La produzione di arance pigmentate rosse è limitata quasi esclusivamente nella sicilia orientale.

ARANCIA SANGUINELLO

A causa dell’epoca tardiva di maturazione questa varietà presenta una buona qualità dei frutti, la buccia è di colore arancio intenso con sfumature rosse così come la polpa e presenta un elevato contenuto di acido citrico.

Il Sanguinello è una varietà di arancia rossa di Sicilia molto apprezzata. la sua buccia caratteristica presenta un bel colore arancio intenso e striature tendenti al rosso; la polpa è ambrata e con screziature rosse di varie gradazioni, è molto succosa, presenta pochi semi e una bassa acidità. Matura verso febbraio, ma è in primavera che le sue caratteristiche organolettiche raggiungono la perfezione.

Questa varietà di arancia è l’ideale per preparare ottime spremute dal colore rosso intenso e Il suo succo è ricco di sali minerali e vitamine. Grazie alle sue proprietà, il Sanguinello è un alleato prezioso della salute e aiuta efficacemente a contrastare i radicali liberi. Il suo sapore gradevole e caratteristico ci deliziano fino a primavera inoltrata.

ARANCIA MORO

Le arance della varietà Moro sono quelle in assoluto più pigmentate e sono cratterizate da un particolare aroma e la loro disponibilità si concentra normalmente nei mesi di Gennaio, Febbraio e Marzo. Presenta una forma globosa e la polpa di colore rosso scuro, infatti è la varietà che presenta la pigmentazione più elevata. Posseggono ottime qualità organolettiche e la maturazione avviene a dicembre.

Caratteristico è il colore del succo, rosso sangue, determinato dall’elevata concentrazione nella polpa e nella buccia di antocianine che svolgono un’importante funzione antiossidante che difende l’organismo da fenomeni di fragilità capillare, dall’invecchiamento cellulare e dall’insorgere di alcune forme tumorali.

Le antocianine si formano grazie alle forti escursioni termiche, comuni durante il periodo invernale nelle zone collinari o di montagna alle pendici del vulcano Etna e  La concentrazione di succo è molto elevata. La arance Moro hanno un sapore tendenzialmente gradevole e con una piccola nota di acidità.

ARANCIA TAROCCO

A questa varietà ne fanno parte diversi “ cloni” come: tarocco dal muso, tarocco nucellare, tarocco gallo, tarocco scirè, tarocco cocuzza, tarocco meli, caratterizzate dalla colorazione rossa più o meno intensa, della buccia e in particolare modo della polpa.

Arance Tarocco presentano un calibro medio-grosso con polpa striata di rosso, buona da mangiare e facile da sbucciare grazie allo spessore medio della sua buccia dal colore molto tenue.

Dall’aroma indistinguibile l’arancia tarocco è la regina delle arance siciliane. La varietà più pregiata e apprezzata al mondo. Appartiene alla cultivar di arance pigmentate o sanguigne per il caratteristico colore rosso determinato da particolari pigmenti chiamati “antocianine” e per i particolari fattori ambientali: la colorazione rossa diventa più intensa con le basse temperature e le escursioni termiche.

Da un punto di vista organolettico, sono caratterizzate da un sapore molto piacevole, grazie al contenuto elevato ma allo stesso tempo equilibrato di zuccheri e acidi, oltre alla presenza di alcune sostanze aromatiche come il limonene e altre sostanze organolettiche. A questo si aggiunge anche un’elevata succosità.

%%title%% %%page%%

-5% SCONTO E 1KG LIMONI OMAGGIO

Se ti iscriviti alla nostra newsletter riceverai un coupon sconto del 5% valido sul tuo primo acquisto e 1 kg di Limone di Siracusa IGP omaggio.

 
Holler Box
0
Carrello
Wishlist 0
Continue Shopping
WhatsApp chat