Conosci l’Albedo? La parte bianca del limone?

Quando pensiamo agli agrumi non facciamo altro che pensare al loro succosissimo contenuto, li mangiamo a spicchi o creiamo deliziose spremute che come ben sappiamo sono ricchissime di vitamine utili al nostro organismo. Ma cosa ne facciamo della restante parte? della parte bianca dei nostri agrumi nessuno o pochi ne parlano e appunto per questo viene scarsamente utilizzata e, a causa della poca informazione, una parte importantissima dei nostri amati agrumi viene gettata e quindi sprecata!

In questo articolo faremo chiarezza sulle proprietà e caratteristiche dell’”ALBEDO”, è cosi’ che viene definita questa parte.
Quello che risulta strabiliante secondo recenti studi è che la maggior parte delle vitamine e proprietà benefiche sono contenute proprio nella parte bianca del frutto, ricca di BIOFLAVONOIDI e PECTINE. Queste svolgono un azione preventiva contro i tumori, sono utili contro l’insorgere di varici e di trombosi, migliorano la glicemia e un sacco di altre proprietà! Le principali sono:

la Naringina: utile a contrastare il colesterolo cattivo;
la Nobiletina: interferisce contro la proliferazione di cellule maligne e contro il degrado cellulare;
la Tangerina: è in grado di sopprimere alcuni tumori maligni bloccando le metastasi.

Da oggi in poi quando mangeremo un agrume dovremo prenderci la briga di tagliare e mangiare anche questa parte o creare qualcosa di veramente sfizioso con esso! come l’ ALBEDO CANDITO


Ecco qui la ricetta:

Ingredienti
600 gr albedo
600 gr di zucchero+ 600gr
300 gr di acqua + 300 gr
600 gr di sale grosso

Procedimento
Tagliare l’albedo a listarelle, ricoprirlo con del sale grosso e lasciare essiccare per 48 ore;
successivamente lavare per bene le scorze eliminando ogni residuo di sale e una volta fatto ciò immergerle in un tegame con acqua calda e lasciarle bollire per 20 minuti;

Mettere lo stesso peso di zucchero delle listarelle e metà peso di acqua (nel nostro caso: albedo 600gr, zucchero 600 gr, acqua 300gr) e portare ad ebollizione. La temperatura dello sciroppo dovrà arrivare a 110°C oppure, se non hai un termometro, dovrà fare il filo, fatto ciò immergine un po’ in acqua fredda, lo sciroppo si solidificherà!!

Immergi le scorzette nello sciroppo e lasciale macerare per 24 ore;

Scola le scorzette, riporta lo sciroppo a 110° e reimmergile di nuovo; dovranno rimanere a bagno ancora 24 ore;

A questo punto l’unica cosa da fare è conservarle in un barattolo ben pulito, così da gustarle quando vuoi! (clicca quì per acquistarli)

Acquista i nostri prodotti

Mandarino Satsuma Miyagawa
A partire da: 28,00
Limone Verdello
A partire da: 30,00
Pere Cosce
A partire da: 30,00
Pomodoro Ciliegino
A partire da: 30,00
Pomodoro Datterino
A partire da: 35,00

Acquista i nostri prodotti tipici

Passata di Pomodoro Nonna Nina
Caponata Siciliana
6,20 4,90
Pummammuri – Ciliegino Semi Secco
Sugo al Basilico
Sugo alla Norma
Sugo all’Arrabbiata
Sugo al Finocchietto Selvatico
Capperi sotto sale
Patè di Olive Nere
Patè di Olive Verdi
Patè di Carciofi
Olive Nere Siciliane

Articoli correlati

%%title%% %%page%%

SCONTO E ORIGANO IN OMAGGIO

Se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai subito via mail un codice sconto del 5% valido sul primo acquisto ed un mazzetto di origano siciliano gratis!

Holler Box
0
Carrello
Wishlist 0
Continue Shopping